Un viaggio alla scoperta della Sicilia Orientale



Caro viaggiatore seguendo i nostri consigli e la nostra esperienza di viaggiatori curiosi ti proporremo un itinerario siciliano per conoscere delle mete meravigliose.

La Sicilia è una regione magica, con le sue leggende e le sue storie, i suoi profumi diversi per ogni stagione come i suoi colori.

Partiamo da Catania

Per chi arriva a Catania con l’aereo, consigliamo di noleggiare un’auto per muoversi in libertà all’interno dell’isola. La prima tappa a questo punto non può essere che Catania.

Si presenta come una elegante e accogliente, distesa ai piedi dell’Etna.

Una caratteristica che la rende simile a Napoli altra splendida città, che quando ti capita, ti consigliamo vivamente di visitare.

Partiamo alla scoperta del centro storico, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Ti affascinerà con il suo barocco siciliano che troverai ovunque.

Una volta arrivato in piazza Duomo e dopo aver visitato la Cattedrale, il Palazzo degli Elefanti, sede del Municipio, “u Liotru”, una statua di pietra lavica che raffigura un elefante, simbolo di Catania, vai verso via Etnea e gustati un arancino di Savia ammirando il monte Etna sullo sfondo.

Acicastello e Acitrezza

Se ami la storia antica e le leggende, recati alla Riviera dei Ciclopi, posto ideale per rilassarsi ammirando il mare e i suoi paesaggi naturali, qui visita Acicastello e Acitrezza.

Acicastello è un piccolo villaggio di pescatori, in cui le leggende si incrociano nell’eco del tempo, come la storia d’amore raccontata da Ovidio e Virgilio tra il pastore Aci e la ninfa Galatea. E perdendosi tra il dipanarsi delle viuzze del centro lasciandosi affascinare dai suoi colori e profumi visitare la piazza e il Castello che sorge a strapiombo sul mare.



Acitrezza è una frazione di Acicastello, un piccolo borgo di pescatori famosa per i
suoi faraglioni che riportano la mente al viaggiatore leggendario Ulisse e al suo incontro con Polifemo e non solo, anche Verga nel suo capolavoro “I Malavoglia” descrisse questo luogo e suoi abitanti del tempo, con la sua povertà e la sua disperazione.

Ma oggi i racconti verghiani sono lontani perché i paesaggi incantevoli di Acitrezza hanno reso questo luogo una meta turistica molto ambita.

Da questo borgo per chi ama la natura è possibile raggiungere l’Isola di Lachea, riserva naturale, e magari gustare una granita in riva al mare.

Taormina

Dopo questa visita tornando a Catania, il suggerimento è quello di dirigersi verso Taormina.

Sorge sospesa sul Monte Tauro, se ti capita di visitarla quando i fichi d’India sono giunti a maturazione ti sembrerà di vedere una tavolozza di colori di un pittore pasticcione, con suoi colori tutti mescolati.

Per gustare a pieno la bellezza di questo luogo ti consigliamo di pernottare, e assaporare a pieno la bellezza dei suoi vicoli, del suo belvedere, e dei suoi negozietti di ceramiche siciliane meravigliose.

La mattina, una bella colazione a strapiombo sul mare a base di granita cà panna e cà brioscia o uno squisito cannolo, per poi dirigerti a Isola Bella dove sarete catturati dal suo mare azzurro e cristallino con i suoi splendidi e nitidi fondali.

Nel visitarla ti consigliamo delle buone calzature acquatiche per proteggere i piedi poiché la spiaggia è composta solo da sassi e pietre.

Dopo aver trascorso la giornata immerso in questo splendido mare torna a Taormina dove potrai gustare uno splendido arancino di riso, o un piatto a base di pesce spada e un buon gelato al pistacchio il cui sapore unico lo puoi trovare solo in Sicilia.